domenica 11 gennaio 2009

NOI EDUCATORI


Grazie al lavoro di gruppo che stiamo facendo in metodologia ho avuto l'occasione di confrontarmi con alcune mie compagne di corso circa la nostra scelta universitaria e la nostra futura occupazione lavorativa e ciò mi ha dato lo spunto per questo post.


Fino a poco tempo fa, quando mi chiedevano che cosa sarei diventata una volta laureatami, io rispondevo, forse per una scelta di comodo, "maestra d'asilo nido".


Una risposta che ora mi fa un pò sorridere pensando, in realtà, a quante opportunità il nostro indirizzo ci può offrire...siamo EDUCATORI, abbiamo la responsabilità di "segnare" con valori educativi i progetti di cambiamento delle persone, dei gruppi, delle comunità sociali...


Un buon educatore ha un'attenzione costante alla persona e al suo sviluppo globale...


Un buon educatore ha un profondo rispetto della singolarità dei "vissuti"...


Un buon educatore è disponibile all'ascolto e alla comprensione dell'altro...


Solo educatori così formati saranno in gradi di portare un contributo originale alla soluzione dei molti problemi delle persone in difficoltà! (ad esempio attraverso la musica, lo sport, l'arte,...)


La nostra missione educativa è quella di dare spazio ed attenzione a tutti coloro che una società fondata sull'efficenza e sulla produttività vorrebbe "invisibili".

4 commenti:

davide ha detto...

Sono d'accordo con te sulla differenza tra i due termini. MA......
sarà forse banale il mio puntualizzare ma ci tengo ad esprimere ciò che ho pensato leggendo il tuo post.
Maestra d'asilo o educatore? certo, il secondo evoca una figura più professionale ed preparata, con uno scopo ed una missione......ma forse il rischio è che questa figura si innamori più del titolo che essa ha che non dei bimbi di cui deve prendersi cura. Ripeto, forse sono solo miei vaneggiamenti, ma se avessi un figlio da affidare ad una scuola materna mi piacerebbe trovare una persona che sia EDUCATORE nelle competenze ma MAESTRA D'ASILO nei modi. Non so se mi sono spiegato bene.
Nel frattempo continua così Linda! :-)

marty ha detto...

anch'io sto riflettendo sull'indirizzo EDUCATORE ma contrariamente a te mi sto rendendo conto che è una faccenda tosta! Ne devo fare di strada per riuscire ad abbracciare questo ruolo complesso..e mi sto indirizzando sulla prima infanzia in quanto tutto parte da li (e anche perchè credo che con la nostra giovane età difficilmente ci prenderanno in considerazione le persone che alle spalle hanno seri problemi) credo ci siano delle tappe da seguire, partendo innanzi tutto dai bambini :)

linda ha detto...

è l'essere un educatore competente e consapevole che poi ti permette di rivestire una professione come ad esempio quella di maestra all'asilo nido...ho voluto creare questo post appositamente per far capire come lavori apparentemente "semplici" richiedano, in realtà, una seria preparazione.

linda ha detto...

per me l'età è qualcosa di relativo...sta alla persona farsi conoscere per come essa è, con i suoi pregi e i suoi limiti...cmq anch'io credo di scegliere l'indirizzo per la prima infanzia più che altro, però, per una mia passione!